Potenziare il Wifi in Centro Storico: una priorità

Potenziare il Wifi in Centro Storico: una priorità

Potenziamento della rete Wi-Fi in centro storico e un’App capace di sfruttare la realtà aumentata per offrire ai turisti un’esperienza immersiva e innovativa.

La lista ‘Città che riparte’, guidata dal capolista Daniele Volpini e in corsa per il prossimo rinnovo delle Giunte di Castello, punta sulla digitalizzazione del Castello di Città come strumento di promozione turistica e valorizzazione del patrimonio culturale, storico e artistico esistente. “Per prima cosa – spiega Marco Cardinali come promotore iniziale dell’idea – crediamo occorra partire dal potenziamento della rete Wi-Fi attualmente esistente.

Una rete di non facile accessibilità, soprattutto per i visitatori, che andrebbe snellita e implementata per rendere il suo utilizzo più smart ed in linea con i tempi. Ci piacerebbe che ogni turista in visita al Castello di Città potesse, non appena arrivato, collegarsi automaticamente con il proprio smartphone al Wi-Fi: a quel punto riceverebbe sul telefonino l’invito a scarica una App dedicata, nella quale trovare tutte le informazioni inerenti San Marino. Dai monumenti alle attività commerciali, dalle mostre ai musei passando per le visite guidate. Insomma, una guida completa al nostro territorio sempre a portata di mano. L’App potrebbe inoltre sfruttare il principio della realtà aumentata per offrire all’ospite un’esperienza estremamente coinvolgente e immersiva, valorizzando quelle che sono le nostre eccellenze e l’inestimabile patrimonio artistico, culturale e storico”.

Quella del Wifi in Centro Storico è una proposta che lanciata da Marco Cardinali ha subito trovato un forte sostegno prima da tutti i componenti della lista e nei confronti avvenuti nei giorni seguenti è emerso essere una problematica sentita non solo dai residenti ma anche dagli esercenti che raccolgono le continue lamentele dei turisti ma soprattutto sentita dai giovani che frequentano la nostra università la cui assenza di connessione di qualità influisce in maniera negativa nei loro studi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *