Sara Podeschi: lo sguardo verso un orizzonte diverso

Sara Podeschi: lo sguardo verso un orizzonte diverso


Per sentirsi veramente cittadini, membri attivi di una Comunità, bisogna intervenire nella vita sociale, portandovi il contributo di idee nuove e a volte anche capaci di spezzare sistemi sbagliati che trasformano il fine, il bene comune, in un mezzo per i propri piccoli e lucrosi interessi.

Mi rivolgo a voi ragazzi, a voi cittadini ” liberi e forti”, che pensate di poter scommettere sul futuro di questo paese. Mi rivolgo a quanti vogliono vivere la scelta di questa Giunta come servizio generoso e nobile, con sguardo aperto alle opportunità oneste che passano attraverso l’impegno e la serietà dei programmi e delle persone.
Città che riparte invita ad alzare lo sguardo verso un orizzonte diverso, verso un domani fatto di collaborazione responsabile e di impegno costante perché la vita della nostra Città, sia civile, serena e veramente comunitaria.
Alcuni potrebbero chiederci personalmente quali ragioni mi hanno motivato a scendere in campo.
A questi mi sento di rispondere con franchezza che la mia storia nasce da un’educazione antica dove c’è stato insegnato a vedere nel servizio della collettività una dimensione specifica della nostra appartenenza a San Marino.
Mi è stato insegnato da mio padre a contare sempre e solo sulle mie capacità e grazie a questi principi severi ho potuto costruire il mio percorso esistenziale e lavorativo.

Invito  i giovani a rischiare, ad andare contro corrente, a saper dire di no mettendo il proprio voto a servizio di un progetto semplice, pulito che non dà garanzie di facili soluzioni ma offre un orizzonte di partecipazione libera ed onesta a tutti.
“Alcune battaglie vanno combattute perché giuste non nella speranza di vincerle” .

Siamo qui, per offrire a Città  una lista di persone che vogliono combattere la giusta battaglia di costruire l’obiettivo comune di un paese che riscopra la bontà del vivere insieme senza rivalità e senza interessi particolari.

Infine, ma non ultimo, io sento il bisogno di ringraziare uno per uno tutti i componenti della lista Città che Riparte:
Daniele, Laura, Patrizia, Federica, Matteo, Marco, Enrico, Alessio, Alfredo, Stefano, Marco, Mattia e Davide.
Sono rimasta  stupita e meravigliata che la mia proposta di impegno abbia trovato subito accoglienza positiva da parte dei ragazzi, dei giovani e delle signore che compongono il gruppo.
A loro va il merito di aver vissuto questi due mesi di incontri con gioiosa serenità.

Cari elettori la serietà delle persone che si sono riunite sotto il simbolo di Città che Riparte è la garanzia di una futura amministrazione buona e costruttiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *